CASAPOUND ITALIA  

   

IL VELOCIZZATORE  

   

RNN - REDDITO NAZIONALE DI NATALITA'  

   

EVENTI FUTURI  

  • images/images/stories/slide/iohoquelchehodonato.jpg
  • images/images/stories/slide/volantino_rnn_A5_RGB.jpg
   

Voghera: presidio di CasaPound a piazza Marconi, "basta degrado in stazione"

Voghera, 2 ottobre – Un volantinaggio e un presidio per dire basta al degrado di piazza Marconi a Voghera. A realizzarli stamattina è stata CasaPound Italia, che chiede risposte all'amministrazione comunale.

"L’assessore alla Sicurezza Giuseppe Carbone e tutta la giunta - afferma il responsabile provinciale di Cpi, Jacopo Merlini - devono darsi una svegliata, la situazione è diventata insostenibile. In piazza Marconi si vede di tutto: spaccio, prostituzione, risse, atti contro la decenza, violenze di ogni genere. Soprattutto quando cala la notte, l'area dello scalo diventa terra di nessuno, dove a farla da padrone sono solo il degrado e l’insicurezza".

"La situazione è evidente a chiunque passi in zona, ma ci sono anche le cronache locali a fornirci i dettagli: quotidianamente - prosegue il responsabile di Cpi - ci parlano di minorenni arrestati per spaccio, clochard che bivaccano nella sala d'attesa, ubriachi che generano episodi di violenza anche contro le forze dell'ordine, prostitute che a loro volta diventano vittime di aggressioni. E ancora, furti di biciclette, colpi tentati alla biglietteria e alla tabaccheria all'ingresso del botteghino, assalti con flessibili agli esercizi commerciali".

"Pendolari, ferrovieri, tassisti, esercenti, tutti i cittadini hanno diritto a delle risposte serie. La stazione deve tornare un luogo sicuro, i giardini adiacenti devono essere riqualificati. La giunta ha intenzione di affrontare le situazione? E ha un’idea di come farlo? Se a Palazzo Gounela hanno bisogno di qualche suggerimento - conclude Merlini - noi siamo pronti a fornirlo. Ci possono trovare al fianco dei cittadini, dove siamo sempre e dove, almeno ogni tanto, farebbe bene a farsi vedere anche qualcuno dell’amministrazione".

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

degradostazione1

degradostazione2

degradostazione3

degradostazione4

degradostazione5

Condividi

CasaPound Pavia apre lo "Sportello di consulenza tributaria" gratuita

CasaPound Pavia apre lo "Sportello di consulenza tributaria" gratuita

Pavia, 2 settembre - CasaPound Italia Pavia apre uno "Sportello di consulenza tributaria" presso la propria sede di via della Rocchetta 25. Si tratta di un servizio gratuito messo a disposizione dei cittadini pavesi per aiutarli ad affrontare illeciti bancari, cartelle di Equitalia, scadenze e pagamenti all'Agenzia delle Entrate o anche solo a orientarsi nelle questioni legate ai tributi. Lo sportello sarà aperto ogni primo lunedì del mese dalle 21 alle 23. Il primo incontro si terrà lunedì 7 settembre.

 

 

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

 

sportellopaviaweb

Condividi

CasaPound Pavia inaugura l'iniziativa "Io ho quel che ho donato"

CasaPound Pavia inaugura l'iniziativa "Io ho quel che ho donato"

Pavia, 16 settembre - Il movimento della tartaruga frecciata da il via all'iniziativa "Io ho quel che ho donato", che si prefigge di raccogliere generi alimentari e indumenti da distribuire alle famiglie italiane in difficoltà. I beni primari potranno essere recapitati tutti i mercoledì e i venerdì dalle ore 21:00, presso la sede pavese "Il Pendolo", situata in via della Rocchetta n.25.

 

 

iohoquelchehodonato

Condividi

Immigrati: CasaPound, "La provincia di Pavia ridotta a centro d'accoglienza. Pronti alle barricate come a Roma"

Villanterio, 22 luglio – "Contro l’arrivo degli immigrati siamo pronti a sostenere le barricate dei cittadini, come a Casale San Nicola a Roma". A spiegarlo è il responsabile provinciale di CasaPound Italia Pavia, Jacopo Merlini, all’indomani del consiglio comunale di Villanterio, durante il quale si è parlato dei 22 immigrati fatti arrivare in paese la scorsa settimana. Un decisione contro la quale Cpi era già intervenuta con lo striscione "Immigrati coccolati, italiani dimenticati”.

"Come a Roma e nel resto d’Italia - chiarisce Merlini - diciamo no alla trasformazione del nostro territorio in un centro d'accoglienza a cielo aperto. E diciamo no alla speculazione dei ‘professionisti’ delle cooperative sulla pelle degli immigrati, che avviene con il benestare del governo e di molte altre istituzioni. Portare 48 immigrati in un Comune di 3mila persone equivale a realizzare una piccola invasione. Per questo abbiamo deciso di partecipare al consiglio comunale di ieri".

"Apprezziamo il tentativo del sindaco, Silvio Corbellini, di opporsi agli arrivi, ma - sottolinea l’esponente di Cpi - vediamo fin troppo bene quello che sta accadendo in tutta Italia: i cittadini e gli amministratori che osano rappresentarli davvero vengono scavalcati e delegittimati, fino a trasformare i territori in polveriere".

"La provincia di Pavia, dove il vecchio prefetto ha portato a 650 gli arrivi di immigrati, non fa eccezione: è prontissima a partecipare alla cosiddetta ‘gara dell’accoglienza’, ma non fa nulla per gli italiani. Ma se istituzioni e politici abbandonano i cittadini, noi – conclude Merlini - restiamo al loro fianco". Soprattutto sulle barricate”.

 

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

centroaccoglinza22luglio

 

 

Condividi

CasaPound, striscioni in 60 città per ricordare il sacrificio di Dominique Venner.

Milano, 21 maggio - “Dominique Venner: un altro destino europeo”: questa la scritta sugli striscioni affissi nella notte dai militanti di CasaPound Italia in 60 città italiane. Per il secondo anno consecutivo, quindi, Cpi rende omaggio allo scrittore che si diede la morte volontaria nella cattedrale di Notre Dame il 21 maggio 2013. Il testo dello striscione fa riferimento al sottotitolo di un saggio dello stesso Venner dedicato a Ernst Jünger e riveste oggi un significato particolare: in tempi in cui l'Unione europea si rivela essere una struttura burocratica, oligarchica, cosmopolita, la vita e l'opera di Venner testimoniano che per i popoli europei ci può essere anche un altro destino. Le cronache che ci giungono dal Mediterraneo mostrano come i problemi segnalati dallo storico transalpino si siano in questi due anni accentuati, fino a porre in discussione la tenuta stessa delle nostre società. Mai come oggi, quindi, immaginare un altro destino europeo è un compito fondamentale.

www.casapounditalia.org

 

milano
Milano
 
bergamo
 Bergamo
 
brescia
 Brescia
 
cremona
 Cremona
 
pavia
 Pavia
 
varese
 Varese
Condividi

Immigrazione: CasaPound Pavia, "Altri 30 arrivi a Voghera? Clandestini benvenuti, italiani senza aiuti”

Immigrazione: CasaPound Pavia, "Altri 30 arrivi a Voghera? Clandestini benvenuti, italiani senza aiuti”

Voghera, 18 luglio - "Clandestini
benvenuti, italiani senza aiuti". È il testo dello striscione affisso da CasaPound Italia all'ingresso di Voghera, nei pressi dell'Hotel Rallye. La struttura in questi giorni, tramite accordi con la Prefettura, si è messa a disposizione per accogliere 30 immigrati, di cui 14 arrivati nel pomeriggio di giovedì, che portano a 60 il numero di rifugiati presenti nel comune capoluogo dell'Oltrepò.

"La situazione è tragica - afferma Jacopo Merlini, responsabile provinciale di Cpi - nei giorni scorsi ci siamo mossi contro gli arrivi a Villanterio e oggi riscontriamo lo stesso disagio a Voghera. In questo caso il Sindaco, Carlo Barbieri, non è stato nemmeno avvisato della trattativa tra l'ente privato che accoglie i clandestini e la Prefettura. Dunque, oltre al malessere legato ai nuovi arrivi in città, ci troviamo di fronte anche una situazione di non sicurezza per i cittadini vogheresi. Una vera e propria follia".

"Il Prefetto deve aver counfuso la provincia - continua il dirigente di Cpi – con un villaggio turistico per accogliere senza remore gli stranieri. Eppure in una situazione come quella locale e nazionale delle remore ci dovrebbero essere. Il Prefetto dovrebbe venire a Voghera e guardare negli occhi i cittadini che da anni sono in lista per un alloggio popolare e spiegare perché a loro si preferiscono gli altri. Noi protestiamo per questa gente, per chi non ha diritti e tutele".

"Inoltre ci fa specie - conclude Merlini - che i proprietari dell'hotel dove alloggeranno gli immigrati, per far quadrare i conti, debbano piegarsi a questa logica. Invece di progettare un Oltrepò fatto di turismo, fondato sui suoi vigneti e sulla sua terra incontaminata, si costringe gli operatori del turismo a vivacchiare in questa maniera. Ogni giorno vengono apposti chiodi sulla bara di questa terra, uccidendola".

 

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

immigrazionevoghera

Condividi

Subcategories

   

WEBSUPPORTER  

   

MUTUO SOCIALE  

   

IMMIGRAZIONE  

   

SUPPORTA CPI  

   

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per maggiori informazioni http:/casapoundlombardia.org/index.php/en/privacymativa-sui-cookie

MOD_COOKIESACCEPT_ACCEPT
   
© 2013 - CasaPound Italia Lombardia