CASAPOUND ITALIA  

   

IL VELOCIZZATORE  

   

RNN - REDDITO NAZIONALE DI NATALITA'  

   

EVENTI FUTURI  

  • images/images/stories/slide/iohoquelchehodonato.jpg
  • images/images/stories/slide/volantino_rnn_A5_RGB.jpg
   

Voghera: Azione di CasaPound contro il gioco d'azzardo, "Fuori dalla mia città"

Voghera, 5 febbraio - Finte slot machine davanti al portone di Palazzo Gounela e in diverse piazze di Voghera. A consegnarle simbolicamente all’amministrazione comunale è stata CasaPound Italia Pavia, accompagnandole con un messaggio chiaro, affidato ad alcuni volantini: "Fuori dalla mia città".

"In pochi anni Voghera - commenta Jacopo Merlini, responsabile provinciale di Cpi - si è trasformata nella Las Vegas del pavese. Parliamo di un punto slot ogni 372 abitanti. Un’assurdità, tanto più se si pensa che a uno studente uscito da scuola basta un minuto per raggiungere un luogo dove giocare la schedina o tentare la sorte con le macchinette mangiasoldi".

"Le ludopatie - prosegue Merlini - oltre a essere un costo sociale, distruggono interi nuclei familiari e rappresentano un affare dietro cui si celano spesso mancanza di controllo, infiltrazioni da parte della criminalità organizzata e tassazioni pressoché inesistenti. Inoltre, agli esercenti su mille euro giocati ne restano appena 30, una truffa per commercianti e cittadini".

"A Voghera - ricorda l’esponente di Cpi - siamo ancora fermi al 2014 con il progetto 'Quando un gioco non è un gioco', mentre gli altri Comuni pavesi stanno cercando di arginare il fenomeno, che nella provincia di Pavia fa registrare la spesa pro capite più alta d’Italia. Nella capitale dell'Oltrepò, invece, tutto tace. Eppure sul territorio esistono progetti molto avanzati, come quello dell'Università di Pavia che sta sperimentando braccialetti anti-gioco che segnalano tramite una app sul telefono quando il soggetto interessato si avvicina a una sala gioco. Inoltre, il Tar in più occasioni ha confermato la legittimità dell’azione di quei Comuni che decidono di ridurre le ore di accensione delle slot machine o, come nel caso di Mortara, stabiliscono una distanza minima dai luoghi sensibili come scuole, chiese, oratori e case di riposo".

"A Voghera nulla di tutto ciò: manca un apparato di prevenzione e, soprattutto, non ci sono segnali di una volontà di arginare il problema. CasaPound - ricorda ancora Merlini - ha attivato uno sportello 'droghe, alcool e gioco d'azzardo' nell'ambito dei progetti Grimes, il Gruppo di Intervento per una Medicina Sociale. Questo sportello è aperto tutti i giorni e offre una mano a chiunque ne avesse bisogno, con il supporto di specialisti in materia".

"Secondo un'ottica psicologico-clinica - afferma Simona Ciaccio psicologa e volontaria Grimes - la ludopatia si caratterizza come un 'comportamento persistente, ricorrente e maladattivo di gioco d'azzardo tale da compromettere le attività personali, familiari o lavorative'. In particolare - prosegue l’esperta - si osserva la perdita di controllo nel comportamento, laddove il soggetto non gioca per il guadagno materiale, ma ciò che conta realmente è l'azione, ovvero esperire uno stato di euforia e di eccitazione paragonabile a quella indotta dalla cocaina e dalle altre droghe. In conclusione, la letteratura e l'esperienza clinica evidenziano la presenza di condizioni di comorbilità tra il gioco d'azzardo patologico e altri disturbi psicologici, a testimonianza che le ludopatie necessitano dell'analisi di elementi genetici, ambientali e di personalità: una valutazione psico-sociale assume, pertanto, un ruolo centrale per il successo di trattamenti, unitamente - conclude la dottoressa Ciaccio - alla possibilità di proporre strategie di intervento, orientate alla prevenzione e alla cura".

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

slot pavia

slot4

slot5

slot1

slot3

slot6

 

Condividi

Tesseramento CasaPound Italia 2016 il 23 gennaio in tutta Italia. Ecco dove tesserarsi in Lombardia.

Milano, 21 gennaio 2016 - Iscriversi a Cpi significa entrare a far parte di quella schiera degli italiani che non si arrendono: all’immigrazione selvaggia camuffata da azione umanitaria, alla polverizzazione dei nostri diritti di cittadini sul fronte del lavoro, del welfare, del diritto alla proprietà della casa, alla tracotanza di chi vuole comprare le nostre aziende e ridurre l’Italia a un’espressione geografica. CasaPound è politica, sport, cultura, solidarietà, azione: è comunità e partecipazione.

 

tesseramento nazionale2016 sito

 

 

IN LOMBARDIA:

 

MILANO: 
 
Sabato 23 gennaio 2016 dalle ore 19.00
Presso ROCCABRUNA, via Longarone 18/4 - Milano
E-mail:  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  
Telefono: +39.366.8057654
 
BERGAMO:
 
Sabato 23 gennaio 2016 dalle ore 19.00
Presso LA CANNONIERA, via Nazario Sauro 18/20 - Bergamo
E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Telefono:+39.331.8036821
 
BRESCIA:
 
Sabato 23 gennaio 2016 dalle ore 15.00
Per info luogo contattare privatamente.
E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Telefono: +39.328.2163825
 
CREMONA:
 
Sabato 23 gennaio 2016 dalle ore 19.00
Presso STOCCAFISSO, via Geromini 30 - Cremona
E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
 
PAVIA:
 
Sabato 23 gennaio 2016 dalle ore 18.00
Presso IL PENDOLO, via della Rocchetta 25 - Pavia
Facebook: facebook-icon-vector  CasaPound Italia Pavia
 
VARESE:
 
Sabato 23 gennaio 2016 dalle ore 18.30
Presso IL VELTRO, viale Luigi Borri 17/A - Varese
E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
 
 
Condividi

Salvabanche: cravatte annodate come cappi davanti alle filiali di tutta Italia, azione choc di CasaPound

Roma, 15 dicembre - “La tua amica banca ti ha tradito”. Uno striscione e una cravatta annodata a simboleggiare “il cappio messo al collo dei risparmiatori dagli usurai in doppiopetto” sono comparsi nella notte davanti alle filiali di tutta Italia degli istituti di credito sottratti al fallimento dal ‘Salvabanche’, ma anche di Mps, Antonveneta e Veneto Banca. A rivendicare l’azione choc è CasaPound Italia.“Basta bruciare i risparmi degli italiani in finanza tossica – sottolinea Cpi – Il caso di Banca Etruria e affini ha dimostrato nella maniera più tragica il fallimento del sistema, completamente liberalizzato, che avrebbe dovuto risollevare le sorti dell’economia nostrana e che invece ha portato solo a danni e truffe. E i truffati, neanche a dirlo, sono i più deboli: non i grossi imprenditori in foulard, non gli speculatori o i mafiosi, ma famiglie qualunque che, credendo ancora nell’Italia, nelle sue banche e nelle sue imprese, hanno consegnato i risparmi di una vita nelle mani della Banda Bassotti. Famiglie che il governo ha cinicamente scelto di abbandonare a loro stesse, salvo poi, di fronte alla tragedia di Civitavecchia, avere un ripensamento in corner e varare quell’intervento ‘solidale’ quando non ha proprio potuto più farne a meno”. “Ma non è della ‘solidarietà’ o delle elemosina di un governo sceso in campo solo per salvare gli usurai che ha bisogno l’Italia. Rimettiamo il sistema bancario sotto il controllo dello Stato – conclude CasaPound Italia - Economia reale SI, obbligazioni e derivati NO”.

www.casapounditalia.org

 

Le foto nelle città lombarde

 

milano
Milano
 
bergamo
Bergamo
 
brescia
 Brescia
 
cremona
 Cremona
 
pavia
 Pavia
 
varese
 Varese
Condividi

Voghera: CasaPound in piazza contro il degrado

Voghera, 11 dicembre - CasaPound Italia Voghera torna a volantinare in piazza Marconi contro il degrado in città.

"Denunciamo la situazione da tempo, ma - spiega il responsabile provinciale di Cpi, Jacopo Merlini - nulla è cambiato e le cronache continuano a parlare di risse, furti, aree abbandonate e degrado imperante".

"Torniamo a chiedere un intervento del Comune non solo per Piazza Marconi, che è - prosegue l'esponente di Cpi - l'emblema dell'incuria, ma per tutte quelle zone del territorio vogherese che sono abbandonate al degrado. I cittadini vogliono risposte, non basta sostituire i lampioni e accendere sessanta telecamere. Le telecamere non ripopolano il centro e la periferia e 800mila euro in dieci anni sono un palliativo, non un vero investimento sulla sicurezza".

"Sono interventi che hanno servono solo a trasformare Voghera in un grande fratello a cielo aperto, mentre c'è bisogno di serie azioni sul territorio. Siamo stanchi di sentire commercianti, studenti, pendolari lamentarsi. Serve ridare vita a una città che negli anni si è trasformata in un malato terminale, complice la crisi mista al disinteresse di Palazzo Gounela. Rinnoviamo - conclude Merlini - l'invito al consiglio comunale a dare risposte concrete alla cittadinanza e a recarsi a vedere, coi propri occhi, cosa diventa il centro abitato quando cala la notte".

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

degrado pavia 2

degrado pavia dicembre

Condividi

Immigrazione, CasaPound Pavia: "Ecco l’integrazione secondo Comune, Asm e Caritas: netturbini mandati a casa e strade pulite gratis dagli immigrati”

Voghera, 3 dicembre – "Con la scusa dell'integrazione, sfruttate l'immigrazione". È il testo dello striscione affisso da CasaPound Italia Voghera contro l’accordo tra Comune, Asm e associazione “Avocato” (Associazione volontari della Caritas diocesana di Tortona) per impiegare i richiedenti asilo in lavori di pulizia in città. "La Consulta per il volontariato - spiega Jacopo Merlini, responsabile provinciale di Cpi - capitana da Paola Fossati, e l'assessore ai servizi sociali, Simona Virgilio, hanno un piano tutto particolare per i richiedenti asilo: sfruttare, gratuitamente, la manodopera degli immigrati per tenere pulita Voghera". "Mentre Asm - continua Merlini - gioca sulla testa di 14 netturbini che ad oggi, dopo il cambio d'appalto per il supporto all'igiene urbana, si trovano senza lavoro, a Palazzo Gounela ci si preoccupa della creazione di nuovi schiavi". "Così - conclude l’esponente di Cpi – da un lato si sfrutta la manodopera degli immigrati con la scusa dell'integrazione, come se pulire un marciapiede gratuitamente fosse sinonimo di accettazione nella società, e dall'altro Asm patrocina questa iniziativa, assieme al Comune, per darsi un tono caritatevole mentre lascia senza stipendio e senza futuro padri di famiglie e giovani".

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

immigraz dicembre1

 

 

immigraz dicembre2

 

 

Condividi

Grande Guerra: rose e corone sui monumenti alla Vittoria in 100 città italiane, l’omaggio di CasaPound ai caduti

Grande Guerra: rose e corone sui monumenti alla Vittoria in 100 città italiane, l’omaggio di CasaPound ai caduti ‘L’Italia risorga’

 

Iannone: “Ritorniamo a quello spirito, come ha fatto chi a Casale San Nicola ha rischiato in prima persona per difendere gli italiani”.

 

Roma, 4 novembre - Un mazzo di rose o una corona davanti ai monumenti alla Vittoria di 100 città italiane con su la scritta “Risorga l’Italia ricordando la vittoria. Italiani in trincea 15-18”. Così CasaPound Italia onora i caduti della Grande Guerra e gli italiani che, in ogni tempo, hanno saputo sacrificare loro stessi per la difesa dell’identità nazionale e dei confini.

“La I° Guerra mondiale è stato un momento fondativo, il primo in cui gli italiani, chiamati a uno sforzo immenso, hanno preso coscienza di essere un popolo. E’ a quello spirito che CasaPound Italia si ricollega perché l’Italia risorga e la vittoria, alimentata dalla fede di chi non si arrende, possa manifestarsi anche in questi tempi oscuri di cialtroneria, egoismo sfrenato e corruzione dilagante”, sottolinea il leader di CasaPound Italia, Gianluca Iannone.

Iannone ricorda che, “a partire dalla manifestazione del 23 maggio a Gorizia, e con una serie di azioni che passano dalla riqualificazione dei tanti monumenti abbandonati al degrado fino alle azioni e ai dibattiti organizzati in tutta Italia, Cpi è impegnata a ridestare quello stesso spirito che visse nei 700mila soldati e nei 600mila civili caduti nella I° Guerra Mondiale. Lo stesso spirito di chi – sottolinea il leader di CasaPound -, a Casale San Nicola, rischiando in prima persona, si è schierato in difesa dei diritti degli italiani e per questo è stato arrestato”.

 

www.casapounditalia.org

 

 

Foto dei monumenti lombardi

 

milano
Milano
 
bergamo
 Bergamo

 

brescia

 Brescia

 

cremona

 Cremona

 

lecco

 Lecco

 

pavia

 Pavia

 

varese

 Varese

 

 

 

 

Condividi

Subcategories

   

WEBSUPPORTER  

   

MUTUO SOCIALE  

   

IMMIGRAZIONE  

   

SUPPORTA CPI  

   

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per maggiori informazioni http:/casapoundlombardia.org/index.php/en/privacymativa-sui-cookie

MOD_COOKIESACCEPT_ACCEPT
   
© 2013 - CasaPound Italia Lombardia