CASAPOUND ITALIA  

   

IL VELOCIZZATORE  

   

RNN - REDDITO NAZIONALE DI NATALITA'  

   

EVENTI FUTURI  

  • images/images/stories/slide/iohoquelchehodonato.jpg
  • images/images/stories/slide/volantino_rnn_A5_RGB.jpg
   

Voghera: CasaPound, "Il nostro territorio non è un parco giochi. Vogheraland sia occasione di rilancio, non di nuove cementificazioni"

Voghera, 26 maggio - "Il nostro territorio non è un parco giochi". È quanto si legge sugli striscioni affissi da CasaPound Italia Pavia sulla statale che collega Voghera a Rivanazzano Terme e a Pontecurone, in provincia di Alessandra, realtà interessate dal progetto della cosiddetta Vogheraland. "L’Oltrepò pavese - si legge in una nota di Cpi Pavia - è un’area ad alta vocazione agricola. Continuare a cementificare significa, oltre che violentarla, agire contro ogni principio logico. Così si distrugge l’identità e il futuro di un intero territorio". "Il nostro territorio, invece - prosegue Cpi - ha bisogno di vedere rilanciate le sue potenzialità turistiche, a cominciare proprio dalla sua vocazione enogastronomia. Un eventuale parco giochi deve essere inserito in un piano strategico che parta da questo presupposto. Le autorità politiche locali, però, sono andate in tutt'altra direzione: hanno preferito svendere questo lembo di terra alle multinazionali capaci di rendere Voghera, e i paesi vicini, una delle zone in Europa con il più alto tasso di grandi centri commerciali per numero di abitanti". "Bisogna evitare che il progetto del parco giochi diventi l’ennesima ferita inferta a queste zone. Per la struttura, che dovrebbe interessare 3 milioni di metri quadrati di terra, esistono già luoghi che si potrebbero utilizzare senza danneggiare l’hinterland vogherese e, anzi, avviando una riqualificazione di aree in abbandono. Un esempio per tutti, valido anche - conclude Cpi Pavia - per la vicinanza dell’autostrada: l’ex zuccherificio di Casei Gerola, ormai ridotto da tempo a carcassa abbandonata al suo destino".

 

voghera parco2

 

voghera parco

 

 

 

Condividi

STRADELLA: Protesta degli immigrati?

Protesta degli immigrati? Siamo andati davanti al Municipio del comune di Stradella per ribadire un concetto: siamo pronti a difendere le nostre città, in ogni circostanza. La Grande Sostituzione, espressione coniata dallo scrittore francese Renaud Camus, è un cancro che affama gli italiani ed arricchisce i criminali avidi nello sfruttare l'immigrazione come fonte di guadagno.
 
Condividi

Pavia: CasaPound chiede sicurezza in viale Campari

Pavia: CasaPound chiede sicurezza in viale Campari, “Con l’amministrazione Depaoli situazione allo sbando” Pavia, 7 apr – “#Cambiadavvero: sicurezza in viale Campari”. E’ quanto si legge sullo striscione affisso da CasaPound Italia Pavia sulla recinzione del parco di Viale Campari, nei pressi della caserma dei pompieri. "Il parco – ricorda il movimento - dovrebbe essere un punto di ritrovo per famiglie e bambini, invece, come lamentano residenti e commercianti, è diventato una zona franca per spaccio, violenze e per un gruppo di rom che non si capisce quale attività vi svolgano. Eppure, fino a qualche anno fa, questa era un’area tranquilla”. “Al sindaco Depaoli, quindi, chiediamo una cosa semplice: un intervento di risanamento, se non altro per riportare le cose alla normalità. Prendiamo atto che l’amministrazione non è in grado di migliorarle, ma almeno – conclude CasaPound Pavia – non le mandi in rovina”.

campari

Condividi

STRADELLA: CASAPOUND IN CONSIGLIO COMUNALE CON LE MAGLIETTE "BENVENUTI A DEGRADOLAND".

STRADELLA: CASAPOUND IN CONSIGLIO COMUNALE CON LE MAGLIETTE "BENVENUTI A DEGRADOLAND". Stradella, 28 mar - "Benvenuti a Degradoland". È la frase che si leggeva sulle magliette indossate dai ragazzi di CasaPound Italia Pavia durante i lavori del Consiglio comunale di Stradella. I militanti del movimento sono stati denunciati dal sindaco, Piergiorgio Maggi, per diffamazione del Comune, dopo l'affissione di uno striscione, lo scorso 7 marzo, in cui compariva la stessa frase delle t-shirt. "Ci siamo presentati in Consiglio comunale - spiega una nota di Cpi Pavia - per ribadire il concetto che Stradella è vittima dell'incuria. Inoltre vorremmo ricordare al Sindaco Maggi l'articolo 21 della Costituzione: 'Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione'". "In ogni caso, Maggi si rassegni: i tentativi di impedirci di intervenire sulle difficoltà del territorio e sulle inefficienze amministrative con le denunce non funzionano. Semmai, confermano che abbiamo toccato un tasto dolente, che in questo caso è il deterioramento delle condizioni di vita a Stradella".
 
 
degrado4degrado3
 
 
 
degrado2 
 
 
 
Condividi

STRADELLA: "BENVENUTI A DEGRADOLAND", CASAPOUND PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLA PERIFERIA

STRADELLA: "BENVENUTI A DEGRADOLAND", CASAPOUND PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLA PERIFERIA 

Stradella, 8 marzo - "Benvenuti a Degradoland". CasaPound torna a Stradella con uno striscione contro il deterioramento della periferia del comune oltrepadano. Laddove sorgono i capannoni dell'industria locale, lo stato di assenza delle istituzioni ed incuria ha raggiunto livelli da allarme rosso. "Continuiamo ad evidenziare - spiega in una nota Cpi Pavia - il crescente stato di abbandono della città. Ripetuti i furti nelle abitazioni, strade e marciapiedi con autentiche voragini, mentre il verde pubblico è marcescente. Ma non è solo il centro a preoccupare, in periferia si può scovare immondizia ad ogni angolo. Per esempio tra i capannoni, dove lavorano gli autotrasportatori, si trovano di sovente i resti dei loro bivacchi. Evidenti nei campi e nelle vie adiacenti". "L'insensibilità degli amministratori locali - conclude Cpi - ha lasciato nelle mani degli imprenditori locali l'onere della pulizia delle strade. Non è stata creata un'area di raccolta. Non è stato pensato di adoperarsi per donare decoro anche alle periferie. Nessun controllo è stato attuato da parte degli organi competenti, quando basterebbe un minimo di buona volontà per mantenere pulita Stradella".

 

degradoland4degradoland1

Condividi

VOGHERA: CASAPOUND PRESENTA LE FIRME CONTRO IL DEGRADO IN SAN BOVO

 

VOGHERA: CASAPOUND PRESENTA LE FIRME CONTRO IL DEGRADO IN SAN BOVO Voghera, 28 feb - Sono oltre 200 le firme raccolte da CasaPound Italia Pavia per sensibilizzare l'opinione pubblica e Palazzo Gounela contro il degrado in cui versa Piazza San Bovo. Il movimento ha organizzato presidi, banchetti informativi e invitato i cittadini a mobilitarsi contro l'inedia che colpisce Voghera. "Abbiamo protocollato le firme - spiega in una nota Cpi Pavia - indirizzandole al Consiglio comunale e al sindaco, Carlo Barbieri. Siamo stanchi di vedere una zona centralissima della città, come San Bovo, nelle mani di spacciatori, delinquenti e assassini. La cittadinanza è esausta. Inoltre, siamo a 200 metri in linea d'area dal Duomo e questo è il biglietto da visita dell'amministrazione Barbieri". "Serve creare una cittadinanza attiva - prosegue Cpi - per limitare gli episodi di micro e macro criminalità. Bisogna destinare un fondo agli esercenti per favorire le attività commerciali. Solo facendo rivivere Voghera si può combattere la delinquenza. E ci deve essere la volontà di realizzare spazi aggregativi. Infine, si devono intensificare i controlli, questo non significa mettere una telecamera ad ogni palo, ma far sentire i vogheresi tutelati". "La nostra battaglia - conclude la nota di Cpi - non si ferma qui. L'amministrazione ha sessanta giorni per rispondere alle richieste dei cittadini, ma CasaPound Italia Voghera sarà in strada, da San Bovo alla Stazione, senza dimenticare la periferia, per combattere disagio e degrado. Il tutto mentre le altre forze politiche si nascondono".

https://www.youtube.com/watch?v=Ig1YvC-deyU

 

voghera3voghera2voghera1

Condividi

Subcategories

   

WEBSUPPORTER  

   

MUTUO SOCIALE  

   

IMMIGRAZIONE  

   

SUPPORTA CPI  

   

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per maggiori informazioni http:/casapoundlombardia.org/index.php/en/privacymativa-sui-cookie

MOD_COOKIESACCEPT_ACCEPT
   
© 2013 - CasaPound Italia Lombardia