CASAPOUND ITALIA  

   

IL VELOCIZZATORE  

   

RNN - REDDITO NAZIONALE DI NATALITA'  

   

EVENTI FUTURI  

  • images/images/stories/slide/iohoquelchehodonato.jpg
  • images/images/stories/slide/volantino_rnn_A5_RGB.jpg
   

Voghera: "Basta feccia", CasaPound in piazza San Bovo contro il degrado

Voghera, 7 ottobre - CasaPound Italia Pavia torna in Piazza San Bovo con un presidio notturno contro il degrado che colpisce Voghera. Il movimento ha portato in strada militanti, simpatizzanti e vogheresi sfidando l'amministrazione comunale che "non tutela la cittadinanza dalla feccia che - si legge in una nota - sta uccidendo la città". "La cronaca - prosegue CasaPound Pavia - parla di violenze, scippi, spaccio e furti. Per l’ennesima volta torniamo in Piazza San Bovo, denunciando una situazione in continuo peggioramento. Siamo a due passi dal Duomo, il 'salotto buono' vogherese, ma la richiesta di aiuto dei cittadini non arriva alle orecchie dell'amministrazione comunale". "A fine febbraio - continua Cpi - abbiamo protocollato una raccolta di 233 firme di cittadini, che chiedevano alla giunta di intervenire in maniera drastica. La risposta è stata un foglio firmato dal sindaco Carlo Barbieri con tante parole e belle promesse. Ovviamente tutte disattese. Ricordiamo a palazzo Gounela che il torto non lo stanno facendo a noi, ma all'intera comunità cittadina, che non ne può più di vedere i propri quartieri diventare discariche a cielo aperto". "Voghera - conclude il movimento - è stanca di impegni non mantenuti, per questo motivo sempre più cittadini si rivolgono a CasaPound per risolvere i problemi della città".

https://www.youtube.com/watch?v=ph7FltG0Eyo

 

bovo5bovo4bovo3bovo2bovo1

 

 

Condividi

#DifendiVoghera non è uno slogan, ma la volontà di tutelare la propria terra davanti all'apatia della politica locale.

Violenze, scippi, spaccio e furti. Basta feccia, basta degrado. Per la quarta volta in quattro anni CasaPound realizzerà un presidio notturno teso ad occuparsi della vergognosa condizione in cui versa P.zza San Bovo a Voghera. L'area, distante poche centinaia di metri da P.zza Duomo, è completamente abbandonata dalle istituzioni.

Le 233 firme raccolte e protocollate in comune, lo scorso febbraio, hanno suscitato un'alzata di spalle da parte dell'amministrazione comunale. Amm...inistrazione che nasconde la testa sotto la sabbia davanti ai problemi reali della città. Per questo motivo, dalle ore 19:00 di sabato 7 ottobre, i militanti ed i simpatizzanti di CasaPound scenderanno in strada con un presidio per denunciare la situazione, dimostrando che alcuni vogheresi non si arrendono. La cittadinanza è invitata a partecipare.

#DifendiVoghera non è uno slogan, ma la volontà di tutelare la propria terra davanti all'apatia della politica locale.

#CasaPound #Italia #Pavia #Voghera

 

san bovo

 

 

 

Condividi

Pavia: CasaPound contro le barriere anti-terrorismo, "Invece delle strade, chiudiamo le frontiere"

Pavia, 9 settembre - "Invece delle strade, chiudiamo le frontiere". E’ quanto si legge sullo striscione affisso da CasaPound Italia Pavia per protestare contro i blocchi di cemento armato posizionati da viale Matteotti fino a Lungoticino, per passare da Strada Nuova, come misura per prevenire attacchi terroristici. "A Pavia - si legge in una nota del movimento - l'amministrazione comunale non manca occasione per mostrare il suo volto immigrazionista, ma intanto in città vengono allestite misure per bloccare eventuali attentati in stile Rambla o Promenade des Anglais. Un paradosso figlio del politicamente corretto". "CasaPound - prosegue il movimento - è da sempre in prima linea nel denunciare gli effetti nefasti dell'immigrazione selvaggia nel nostro Paese e da anni chiede misure serie per bloccarla. Le anime belle dell'accoglienza a tutti i costi, colpevoli dell'invasione incontrollata che ci troviamo ad affrontare, sbandieravano l'impossibilità di arrestare i flussi immigratori. Oggi, invece, si scopre che il blocco degli sbarchi era possibile". "Il problema è che ci si è arrivati con colpevole ritardo: la situazione sociale a Pavia, come in Italia, è ormai disastrata e la sicurezza delle città non verrà di certo tutelata dai mezzi dell'Asm o da blocchi di cemento. Quindi - conclude CasaPound - la soluzione è una sola: invece di chiudere le città, si chiudano le frontiere una volta per tutte. I sogni multietnici degli adepti della società multirazziale si sono trasformati negli incubi della nostra nazione".

chiudiamo le frontier

 

Condividi

Pavia: "#Cambiamodavvero solo uno slogan elettorale per Depaoli", CasaPound dal DEA a Viale Matteotti contro il degrado pavese

Pavia: "#Cambiamodavvero solo uno slogan elettorale per Depaoli", CasaPound dal DEA a Viale Matteotti contro il degrado pavese Pavia, 01 luglio - "#Cambiamodavvero: la DEA di Pavia tra rom, furti ed immondizia" e "#Cambiamodavvero: basta feccia in Viale Matteotti". È quanto si legge sugli striscioni affissi da CasaPound Italia Pavia rispettivamente al Dea del Policlinico San Matteo e sull'allea Matteotti. Insieme agli striscioni, sono state lasciate anche sagome di agenti della polizia locale "per sottolineare l'incuria in cui è abbandonata la città". "Le persone che quotidianamente frequentano l'ospedale - si legge in una nota di Cpi Pavia - si trovano catapultate in quella che sembra essere una favelas più che un'eccellenza della sanità italiana. Tra i viali del San Matteo si è perso il conto dei furti di biciclette, mentre sotto la torre del DEA troviamo una vera e propria discarica". "Per non farsi mancare nulla - prosegue Cpi - quasi ogni mese il parcheggio si trasforma in un campo rom abusivo con tanto di lunghi fili attaccati agli alberi per asciugare i panni e, ciliegina sulla torta, galline di proprietà degli stessi rom che girano liberamente. Impossibile dimenticare, tra gli altri, i venditori abusivi che si aggirano indisturbati tra le auto in sosta". "Stesso discorso - continua la nota - per Viale Matteotti con la sua allea sulla quale, a partire da febbraio, si è assistito ad un incremento preoccupante di reati. Partiamo dagli arresti per spaccio, passando per l'aggressione ai danni di un operatore ASM e finendo con un tentativo di stupro verso una diciannovenne. Oltre a danneggiare l'immagine di Pavia la situazione di Viale Matteotti spacca la maggioranza. Il consigliere Luigi Furini, membro del Partito Democratico e della maggioranza locale, attacca la sua stessa giunta sostenendo come la politica debba prendere in mano la situazione, avvalorando le tesi che sosteniamo da anni".
 

 

az4az3az2az1

Condividi

CasaPound Italia Pavia presenta, in collaborazione con il Circolo Culturale Salvatore Frisina, il romanzo "La valle del nulla".

CasaPound Italia Pavia presenta, in collaborazione con il Circolo Culturale Salvatore Frisina, il romanzo "La valle del nulla". Interverranno l'autore Cesare Ferri, Lorenzo Cafarchio (Cpi Pavia) e Giovanni Bottazzi (Presidente del Circolo Culturale Salvatore Frisina). Un volume che affronta la lotta dell'uomo contro la società materialistica, del funambolo nietzschiano alla ricerca dell'oltreuomo. La serata si terrà al bar Leon d'Oro in P.zza Duomo a Voghera (Pv) con inizio dalle ore 17:30.

conf vogh

 

 

 

Condividi

Voghera: CasaPound, "Il nostro territorio non è un parco giochi. Vogheraland sia occasione di rilancio, non di nuove cementificazioni"

Voghera, 26 maggio - "Il nostro territorio non è un parco giochi". È quanto si legge sugli striscioni affissi da CasaPound Italia Pavia sulla statale che collega Voghera a Rivanazzano Terme e a Pontecurone, in provincia di Alessandra, realtà interessate dal progetto della cosiddetta Vogheraland. "L’Oltrepò pavese - si legge in una nota di Cpi Pavia - è un’area ad alta vocazione agricola. Continuare a cementificare significa, oltre che violentarla, agire contro ogni principio logico. Così si distrugge l’identità e il futuro di un intero territorio". "Il nostro territorio, invece - prosegue Cpi - ha bisogno di vedere rilanciate le sue potenzialità turistiche, a cominciare proprio dalla sua vocazione enogastronomia. Un eventuale parco giochi deve essere inserito in un piano strategico che parta da questo presupposto. Le autorità politiche locali, però, sono andate in tutt'altra direzione: hanno preferito svendere questo lembo di terra alle multinazionali capaci di rendere Voghera, e i paesi vicini, una delle zone in Europa con il più alto tasso di grandi centri commerciali per numero di abitanti". "Bisogna evitare che il progetto del parco giochi diventi l’ennesima ferita inferta a queste zone. Per la struttura, che dovrebbe interessare 3 milioni di metri quadrati di terra, esistono già luoghi che si potrebbero utilizzare senza danneggiare l’hinterland vogherese e, anzi, avviando una riqualificazione di aree in abbandono. Un esempio per tutti, valido anche - conclude Cpi Pavia - per la vicinanza dell’autostrada: l’ex zuccherificio di Casei Gerola, ormai ridotto da tempo a carcassa abbandonata al suo destino".

 

voghera parco2

 

voghera parco

 

 

 

Condividi

Subcategories

   

WEBSUPPORTER  

   

MUTUO SOCIALE  

   

IMMIGRAZIONE  

   

SUPPORTA CPI  

   

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per maggiori informazioni http:/casapoundlombardia.org/index.php/en/privacymativa-sui-cookie

MOD_COOKIESACCEPT_ACCEPT
   
© 2013 - CasaPound Italia Lombardia