CASAPOUND ITALIA  

   

IL VELOCIZZATORE  

   

RNN - REDDITO NAZIONALE DI NATALITA'  

   

EVENTI FUTURI  

  • images/images/stories/slide/iohoquelchehodonato.jpg
  • images/images/stories/slide/volantino_rnn_A5_RGB.jpg
   

CPI Milano: Striscione 'Non vi lasceremo l'Italia', alla Goldman Sachs

Milano, 14 novembre - “Vi daremo battaglia, non vi lasceremo l'Italia”. Questo il testo dello striscione affisso nella notte tra il 13 e il 14 novembre da CasaPound Italia fuori dalla sede di Goldman Sachs, in piazzetta Bossi a Milano.

Marco Arioli, responsabile milanese di CasaPound Italia, spiega così le motivazioni alla base di questa azione di protesta: “Da Milano, città della modernizzazione, della ricostruzione, crocevia di tutti i sommovimenti che hanno segnato la vita politica della nostra nazione affermiamo il nostro rifiuto del progetto di consegnare le chiavi del futuro dell'Italia a emissari di quel potere finanziario che ha causato la grave crisi di questi mesi.

E' un vero controsenso – afferma Arioli – che si cerchi la cura di un problema proprio in chi è stato la causa del male, ed è impensabile che si siano affidate le sorti dell'Italia a un governo tecnico guidato da un International Advisor di Goldman Sachs, una delle più grandi banche d’affari del mondo, che ha speculato sulla crisi dei mutui subprime e ha investito sul debito della Grecia. Non siamo disposti a consegnare il nostro paese senza battere ciglio.

Il popolo italiano non è in vendita, l'Italia non sarà mai terra di conquista. E' bene che questo sia chiaro a chi vuole mettere le mani sul nostro futuro”.

 

milano gsachs

Condividi
   

WEBSUPPORTER  

   

MUTUO SOCIALE  

   

IMMIGRAZIONE  

   

SUPPORTA CPI  

   

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per maggiori informazioni http:/casapoundlombardia.org/index.php/en/privacymativa-sui-cookie

MOD_COOKIESACCEPT_ACCEPT
   
© 2013 - CasaPound Italia Lombardia