CASAPOUND ITALIA  

   

IL VELOCIZZATORE  

   

RNN - REDDITO NAZIONALE DI NATALITA'  

   

EVENTI FUTURI  

  • images/images/stories/slide/iohoquelchehodonato.jpg
  • images/images/stories/slide/volantino_rnn_A5_RGB.jpg
   

Tesseramento CasaPound Italia 2017: dove tesserarsi in Lombardia

Milano, 11 gennaio 2017 - Sabato 21 gennaio 2017 in tutte le sedi d'Italia sarà possibile tesserarsi a CasaPound Italia. Di seguito gli appuntamenti per il tesseramento nelle province lombarde:

Milano:
Sabato 21 gennaio 2017 dalle ore 19.00
Sede Cpi Milano "Roccabruna" in via Longarone 18/4 - Milano
Per tutte le informazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  - Tel. +39.366.8057654
Pagina Facebook: CasaPound Italia Milano
 
Per la zona di Lecco info:  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  
Pagina Facebook:CasaPound Italia Lecco
 
Bergamo:
Sabato 21 gennaio 2017 dalle ore 19.00
Sede Cpi Bergamo "La Cannoniera" in via Nazario Sauro 18/20 - Bergamo
Per tutte le informazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. - Tel. +39.331.8036821 
Pagina Facebook: CasaPound Italia Bergamo
 
Brescia:
Sabato 21 gennaio 2017 dalle ore 17.00
Sede Cpi Brescia "La Barricata" in via Costalunga 4/B - Brescia
Per tutte le informazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  
Pagina Facebook: CasaPound Italia Brescia
 
Cremona:
Sabato 21 gennaio 2017 dalle ore 18.00
Sede Cpi Cremona "Stoccafisso" in via Geromini 30 - Cremona
Per tutte le informazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  
Pagina Facebook: CasaPound Italia Cremona
 
Pavia:
Sabato 21 gennaio 2017 dalle ore 19.00
Sede Cpi Pavia "Il Pendolo" in via della Rocchetta 25 - Pavia
Per tutte le informazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  
Pagina Facebook: CasaPound Italia Pavia
 
Varese:
Sabato 21 gennaio 2017 dalle ore 19.30
Sede Cpi Varese "Il Veltro" in viale Luigi Borri 17/A - Varese
Per tutte le informazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  
Pagina Facebook: CasaPound Varese
 
 
15894286 10154387913107842 6972337965814689926 n
 
 
Condividi

Bergamo: Conferenza "I fuorilegge della letteratura (Ballard, Burroughs, Céline)"

Conf. i fuorilegge

Condividi

“Non si lucra sulla salute dei cittadini”, CasaPound contro la sosta a pagamento vicino all’ospedale

Sondrio, 18 gennaio - “Non si lucra sulla salute”. È quanto si legge sullo striscione affisso in via Stelvio a Sondrio da CasaPound Italia per protestare contro la decisone della giunta Molteni di contrassegnare come a pagamento il parcheggio nei pressi dell’ospedale, recentemente inaugurato.

“La decisione del Comune – si legge in una nota di Cpi - è inaccettabile e il modo in cui è stata studiata la tariffa fa pensare che il suo unico scopo sia fare cassa: non sono previsti né sconti nei giorni festivi né agevolazioni o rimborsi per chi va all’ospedale per assistere i propri cari. Inoltre, sebbene con una leggera diminuzione del prezzo, la sosta è a pagamento anche di notte. Infine - ricorda ancora il movimento – non solo non è stata prevista l’opzione della sosta breve gratuita, ma in occasione dell’inaugurazione del nuovo parcheggio sono stati anche eliminati i parcheggi a disco orario di via Stelvio, che consentivano di parcheggiare gratuitamente di fronte all’ospedale fino a trenta minuti”.

“La preoccupazione di una amministrazione veramente attenta ai bisogni dei cittadini – conclude Cpi – dovrebbe essere quella di garantire un servizio che agevoli le persone, non che le costringa a tirare fuori soldi senza alcuna alternativa. Soprattutto nei pressi di un ospedale”.

 

 

ospedale sondrio1

 

ospedale sondrio2

Condividi

Bergamo: CasaPound ricorda Antonio Locatelli, “Eroe bergamasco”

"ANTONIO LOCATELLI

Non è da tutti sfidare la morte in tempo di guerra e in tempo di pace. Rifiutare perennemente gli onori per lasciar spazio agli oneri. 

Non è da tutti avere poco più di 20 anni e volare come un aquila tra le nuvole , cosciente di poter essere l'ultimo volo. Ondeggiare sopra le linee nemiche , schivando gli sharpnel nemici per poi premere la leva del gas del biplano e gettarsi a bassa quota sopra le linee avversarie con l'incessante fuoco incrociato delle raffiche austriache , trasportato dal poderoso boato del 6 cilindri a piena potenza , dai fischi dei proiettili , e dai sordi battiti della tela dell'aereo colpita.

Il tutto osservando con le spesse lenti da aviatore le postazioni, "mitragliando" di fotografie il nemico , tenendo i comandi con le gambe mentre si annotavano le descrizioni e le posizioni esatte delle artiglierie nemiche, focalizzando ed avendo costantemente impresso il principio che ogni foto d'avanscoperta eseguita avrebbe salvato migliaia di italiani, e allo stesso tempo, distrutto il nemico. Ogni errore poteva causare la morte dei propri fratelli.

E sopra quell'inferno di fuoco concentrato su se stesso, infine , dover tener conto di combattere altri aerei,se necessario,con un aereo Ansaldo che di certo non era nato come caccia.

Quanto basta per avere i requisiti dell' eroe.

E di fronte a queste azioni, che Antonio Locatelli, il nostro illustre compaesano, si guadagnò la prima medaglia d'oro al valor militare , unita a diverse d'argento : Volando sopra il nemico per fotografarlo costantemente , valutare ogni suo minimo movimento , incurante di ogni eventualità.

Definito da D'Annunzio "il mio leone di guardia" , Locatelli portò il Vate sopra Vienna, insieme anche ad un altro bergamasco d'adozione, Sarti , per scaricar loro non dei carichi di morte, bensì manifesti per dimostrare al nemico che noi avevamo degli eroi che tutto potevano e che non avevano paura di sfidare il nemico sopra i cieli della sua capitale. Fosse anche il portarsi sopra la dimora dell'Imperatore d'Austria in persona , se necessario. 

Venne anche abbattuto nel Settembre 1918 , il mese dopo la spettacolare azione viennese , volando e venendo abbattuto colpito e ferito da uno Sharpnel sopra il luogo poco prima fotografato , ritornando sopra le linee nemiche per essere sicuro di ciò che aveva annotato , segno di dovere , ma anche di incuranza della propria vita a favore di un altruismo per i propri compagni d'arme che ogni giorno pativano fame,freddo,e il rischio perenne di morire nelle trincee. Fuggì abilmente travestendosi da nemico , eludendolo , e ritornando nelle linee italiane durante le ultime offensive che portarono alla vittoria italiana.

Passò il dopoguerra a scrivere,a volare per il mondo, facendo oltre 3000 fotografie nei vari voli per l'Asia e per il sudamerica. Divenne parlamentare del regno d'Italia prima , e podestà di Bergamo dopo. l'indole di Locatelli "politico" lo portò anche a scontri anche con le alte cariche del PNF , ma ad Antonio Locatelli non piaceva fare del servilismo , specie con il federale Valli ,e nonostante risanò i bilanci della città e diede ottima prova di urbanista , volle ritornare all'azione .

Fu da volontario nella guerra d'Etiopia che Antonio Locatelli continuò laddove finì nel 1918 , volando sopra il nemico abissino, fotografando e segnalando con dedizione le posizioni avversarie e guadagnandosi la seconda medaglia d'oro al valor militare. 

In Etiopia infine trovò anche la morte, la morte da combattente, venendo colpito in un imboscata a Lekempti, 81 anni fa come oggi.

Cadendo in combattimento Locatelli , unico ad avere avuto 3 volte questo riconoscimento, la sua ultima medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Memoria che,nella date dell' anniversario al suo maritrio,noi non smetteremo mai di celbrare.

Perchè Antonio Locatelli è e sarà sempre un eroe. 

Un eroe bergamasco.

Un eroe italiano."

 

Foto 1

 

Foto 2

 

Foto 3

 

Foto 4

Condividi

Bergamo: azione di protesta di CasaPound contro le tariffe del parcheggio in centro la domenica

Bergamo, 13 gennaio – Parchimetri incappucciati e volantini di protesta attaccati nel centro città contro la scelta di mettere i parcheggi a pagamento anche la domenica.

CasaPound Italia Bergamo si mobilita contro l'ennesimo esborso chiesto ai cittadini.
“Dopo gli aumenti già imposti dalla giunta Pd – ricorda una nota di Cpi - da domenica i nostri concittadini dovranno pagare per poter parcheggiare anche in centro".

"Il centro città – prosegue il movimento - soffre da anni, gli esercizi commerciali chiudono a favore di un incremento folle della grande distribuzione e dei centri commerciali. Ci chiediamo come questa decisione possa aiutare le attività locali e i cittadini in generale, già fortemente vessati da tasse e spese sempre più alte”.

"Chiediamo una marcia indietro per non desertificare ulteriormente la nostra città. Bergamo – conclude Cpi – non ha bisogno di quest’altro disagio: ha già problemi ben più gravi, che si chiamano sicurezza, viabilità e immigrazione".

 

parcheggidomenica2

 
parcheggidomenica3
 
parcheggidomenica1
 
parcheggidomenica4
 
parcheggidomenica5
 
 
 
 
 
Condividi

Treviglio (BG): "La vostra 'integrazione' la nostra insicurezza". CasaPound protesta per gli immigrati nelle scuole.

Bergamo, 16 marzo - "La vostra 'integrazione' la nostra insicurezza". È quanto si legge sullo striscione affisso da CasaPound Italia Bergamo a Treviglio contro l’utilizzo di profughi nelle scuole primarie della città.

"Troviamo inopportuno - si legge in una nota del movimento - l’utilizzo di soggetti terzi all'interno degli istituti scolastici, anche se per lavori manuali".

"Gli istituti di Treviglio ospitano profughi non preparati né controllati e - sottolinea ancora Cpi - non è accettabile che a fare le spese di provvedimenti dal mero sapore propagandistico siano i bambini delle scuole elementari e medie. Il sistema dell'accoglienza rimane fallimentare, alimentato da interessi prettamente economici e politici e calato dall’alto. È ora di smetterla - conclude la nota- con queste scelte scellerate".

 

integrazionetreviglio

Condividi
   

WEBSUPPORTER  

   

MUTUO SOCIALE  

   

IMMIGRAZIONE  

   

SUPPORTA CPI  

   

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per maggiori informazioni http:/casapoundlombardia.org/index.php/en/privacymativa-sui-cookie

MOD_COOKIESACCEPT_ACCEPT
   
© 2013 - CasaPound Italia Lombardia