CASAPOUND ITALIA  

   

IL VELOCIZZATORE  

   

RNN - REDDITO NAZIONALE DI NATALITA'  

   

EVENTI FUTURI  

  • images/images/stories/slide/iohoquelchehodonato.jpg
  • images/images/stories/slide/volantino_rnn_A5_RGB.jpg
   

Bergamo: CasaPound, “Dal Comune ennesimo progetto ipocrita: i richiedenti asilo non stanno in panchina? Vero, stanno a carico nostro”

Bergamo, 12 agosto – “Io non sto in panchina, ma a carico vostro”. È quanto si legge sui volantini messi da CasaPound Italia Bergamo sulle panchine riverniciate nell’ambito del progetto “Io non sto in panchina”, avviato dal Comune con la cooperativa Ruah.

“Ancora una volta – spiega il portavoce cittadino del movimento, Mario Torri - il sindaco Gori tenta di catturare consensi con una campagna propagandistica sui presunti profughi richiedenti asilo".
"Con il progetto ‘Io non sto in panchina’ - prosegue Torri - il sindaco vorrebbe legittimare agli occhi dei cittadini il business dell'accoglienza, tentando di far dimenticare il degrado generato dall'immigrazione scellerata degli ultimi anni. Peccato che non basti una mano di vernice a nasconderlo, né a nascondere l’impatto economico e sociale di questa situazione”.
"I circa 2500 richiedenti asilo che secondo i dati ufficiali sono stati ‘accolti’ nella nostra provincia, dei quali quasi 550 in città, infatti – conclude Torri - costano allo Stato italiano 87.500 euro al giorno: se non stanno in panchina, sono comunque a carico degli italiani e non sarà una trovata propagandistica a cambiare la realtà”

 

Panchine 1

 

Panchine 2

 

Panchine 3

 

Panchine 4

 

Panchine 5

 

Panchine 6

Condividi
   

WEBSUPPORTER  

   

MUTUO SOCIALE  

   

IMMIGRAZIONE  

   

SUPPORTA CPI  

   

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per maggiori informazioni http:/casapoundlombardia.org/index.php/en/privacymativa-sui-cookie

MOD_COOKIESACCEPT_ACCEPT
   
© 2013 - CasaPound Italia Lombardia